Francia: Corte conti, serve piano riassetto deficit 33 mld

Per fare cassa Governo pensa a 'canone computer'

02 luglio, 18:59

La ministra della Cultura francese, Aurélie Filippetti La ministra della Cultura francese, Aurélie Filippetti

(ANSAmed) - PARIGI - La Francia deve mantenere l'obiettivo "imperativo" di riportare il deficit al 3% del Pil nel 2013, facendo uno sforzo "sostanziale" basato "prioritariamente" sulla riduzione delle spese pubbliche. E' quanto scrive la Corte dei conti transalpina in un rapporto sullo stato delle finanze pubbliche, chiesto dal nuovo presidente Francois Hollande al momento del suo insediamento e presentato oggi. Per raggiungere questo traguardo, calcola la Corte, servirà un piano di riassetto da 33 miliardi di euro su due anni, basandosi su un ipotesi di crescita dell'1% (di poco inferiore alle previsioni del governo, che stimano un +1,3% per il 2012).

Mentre la Corte dei conti bacchetta il presidente, Francois Hollande, sullo stato delle finanze pubbliche, la ministra della Cultura, Aurélie Filippetti, escogita il 'canone computer', una tassa per chi non ha il televisore in casa ma ha un abbonamento a internet che permette di guardare la tv sul pc. L'estensione del canone tv al computer, sostiene il governo, permetterebbe di avere introiti supplementari fino a 100 milioni di euro. "Sempre più, in futuro, la televisione si seguirà sul computer - spiega la Filippetti -. Forse bisogna estendere il canone a questi altri schermi quando non si possiede un televisore? E' una domanda che ci stiamo ponendo. Ovviamente non si pagherà un canone in più se si hanno computer e tv". L'entourage della ministra ha spiegato che per ora questa misura é solo "una pista tra le altre" e che deve essere prima "discussa con il ministero delle Finanze". Il canone tv - che serve a finanziare gli organismi pubblici di televisione e radiodiffusione come France Televisions e Radio France, e si eleva a 125 euro in Francia metropolitana e a 80 euro nei dipartimenti d'oltremare - nel 2011 ha portato nelle casse dello stato 3,82 miliardi di euro.

Circa 26 milioni di famiglie francesi, secondo le ultime cifre, dispongono di un televisore in casa e sul territorio ci sarebbero 50 milioni di tv, in media quasi due per famiglia.

L'estensione di questo canone a chi non ha la tv ma ha un computer - comprese le residenze secondarie - secondo il governo potrebbe creare introiti fino a 100 milioni di euro.(ANSAmed).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA